Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Un terremoto a Sternatia

Accanto alla porta laterale della chiesa matrice di Sternatia, quella che si affaccia sulla via Platea, vi è un “pezzotto” in pietra leccese, su cui è incisa una scritta che parla di un “terremoto terribile” avvenuto “nell’anno del Signore (A.D.i) 10 frebraro 1743”. L’epigrafe contiene altri righi, che però sono illegibili. 
A Sternatia non si ha memoria di questo terremoto, neanche le persone più anziane ne tramandano la notizia, tuttavia sembra proprio che questo sia avvenuto e che sia stato molto forte e distruttivo.
Il Prof. Paolo Sansò, professore associato presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università del Salento, nonché esperto dell’evoluzione geomorfologica del paesaggio costiero pugliese, riferisce quanto segue: 

“Il 20 febbraio 1743 intorno alle ore 23.30 locali (corrispondenti alle ore 16.30 attuali) tre forti scosse di terremoto interessarono la Puglia meridionale e le Isole Ionie. L’epicentro del terremoto è stato localizzato nel Canale d’Otra…

Ultimi post

È periodo di menta! 3 idee per utilizzarla

Da quant'è che non vedevo i papaveri?

Porceddhuzzi salentini: la ricetta più esclusiva che c'è

Come raccogliere (e quindi riconoscere) le cicorie di campo: il video!

Rientri...

Ricordi di essenzialità

Escursione a Le Orte: un luogo speciale nei pressi di Otranto

Il proposito vitale

Le Chiacchiere di Carnevale: la ricetta della nonna

Incursione in campagna